Campionato Regionale di categoria

2 Categoria 2015

Pove del Grappa, 22 febbraio 2015 Il brutto tempo non ha fermato le giovani atlete della Società Ginnastica Ardor che hanno conquistano prestigiosi piazzamenti nella seconda prova del Campionato Regionale di Categoria, svoltasi domenica 22 febbraio a Pove del Grappa in provincia di Vicenza. In questa occasione la società ha portato a casa ben quattro vittorie e molti podi, oltre alla qualificazione di tutte le proprie atlete alla fase interregionale in programma il 14 e il 15 marzo, proprio in casa Ardor. Nella categoria allieve prima fascia, conferma sul primo gradino del podio per Camilla Palombarini che si è aggiudicata così anche il titolo di campionessa regionale. Sesto posto per la compagna Sofia Dionisi. A seguire, nella competizione riservata alle ginnaste della categoria allieve seconda fascia, netta vittoria dell’ardorina Margherita Martellato che ha “fatto suo” anche il titolo di campionessa regionale. Nel pomeriggio è stata la volta delle junior prima fascia e in questa competizione il podio si è interamente vestito con i colori dell’Ardor. Sul primo gradino, infatti, è salita Valentina Moro (campionessa regionale), che ha preceduto le compagne Chiara Rosso, seconda, e Matilde Grandesso, terza. Anche nella gara riservata alle ginnaste più esperte, categoria senior, il primo e il secondo posto sono andati a due atlete della compagine patavina: oro a Giulia Dorigo e argento ad Emilia Zabeo, la quale, grazie alla vittoria con miglior punteggio ottenuta nella prima prova, si è aggiudicata anche il titolo regionale. A chiudere l’intensa e positiva giornata la competizione della categoria junior seconda fascia dove Marianna Mosetti si è aggiudicata un bel bronzo. Veramente grande la gioia e la soddisfazione per gli ottimi risultati raggiunti da parte della responsabile della sezione ritmica prof. Sandra Veronese, delle allenatrici Eugenia Ricciuti, Silvia Mainente, Rimma Anisimova, Alessia Casotto, Diandra Calzavara e delle coreografe Giorgia Benetello e Francesca Moscianese.