AL VIA LA STAGIONE AGONISTICA 2015/16

 IMG 7089

GINNASTICA RITMICA: AL VIA LA STAGIONE AGONISTICA 2015/16

Domenica 11 ottobre la nuova stagione agonistica della Ginnastica Ritmica ha aperto i suoi battenti con due eventi che hanno impegnato le ginnaste della Società Ardor Padova:  
il Torneo Internazionale ” Spirito Sportivo” di Udine e la prima prova del Torneo Regionale Allieve.
Senza dubbio più che buona la prova delle ardorine impegnate ad Udine anche in vista dell’ ormai imminente inizio del Campionato di Serie A.
Nella categoria B 2004 Tassotti Gaia, alla sua prima esperienza internazionale, si aggiudica un ottavo posto di tutto rispetto. Nella categoria C 2003 ottimo terzo gradino del podio per Martellato Margherita che si è classificata terza anche nell’ esercizio alle clavette. Per quanto riguarda la categoria C2 al corpo libero, buon quinto posto per Moro Valentina e settimo per Rosso Chiara. Nella categoriaD 2002 settimo posto per Grandesso Matilde che si è aggiudicata anche l’ argento al cerchio superata solo dalla compagna Moro Valentina piazzatasi al primo posto. Per Chiara e Matilde inoltre un quarto e settimo posto alla palla. Nella categoria E Senior per l’ Ardor gareggiavano Zabeo Emilia e Dorigo Giulia, entrambe titolari, con la compagna Valentina, della squadra di Serie A, che si sono classificate rispettivamente quinta e settima nell’ all around, ma per Emilia anche un quarto posto alla palla e un terzo alle clavette, mentre per Giulia secondo gradino del podio alle clavette e quinto piazzamento al cerchio.
Per quanto riguarda la seconda competizione della giornata, il Torneo Regionale Allieve, il podio della categoria allieve prima fascia si è vestito completamente con i colori della società Ardor: oro per Rampazzo Chiara, argento per Tassinato Aurora e bronzo per Smaniotto Noemi. Ottimi piazzamenti anche per le colleghe Baldo Emma quinta, Bortolazzi Sara sesta e Ruzzon Alice ventesima. Nella categoria allieve seconda fascia argento per Zin Linda, settimo posto per Torre Matilde e ventesimo per Salmaso Matilde.